La famosa โ€œsciaticaโ€, comunemente conosciuta anche col termine โ€œLombosciatalgiaโ€, รจ una condizione clinica caratterizzata generalmente dalla presenza di dolore a livello lombare, il quale si irradia lungo lโ€™arto inferiore (nella regione posteriore o postero-laterale della coscia, nella gamba e puรฒ arrivare fino al piede).
Oltre al dolore, a livello dellโ€™arto inferiore, possono essere presenti altri sintomi quali parestesie (formicolii)e ipostenia (sensazione di debolezza).
Ciรฒ che causa questo tipo di condizione clinica รจ la compressione del nervo sciatico a livello delle sue radici, localizzate tra la quarta vertebra lombare e la seconda vertebra sacrale.
I segmenti vertebrali L4-L5 ed L5-S1 sono quelli dove generalmente avviene la compressione radicolare.
Un episodio acuto di lombosciatalgia risulta essere benigno nel 90% dei casi trattati conservativamente. Anche i deficit di forza, se non estremamente invalidanti, hanno una prognosi favorevole e rispondono bene al trattamento conservativo.
Sono rarissimi i casi in cui si dovrebbe ricorrere allโ€™intervento chirurgico.
ATTENZIONE! Non sempre in casi di radicolopatia il dolore รจ presente.
In questo post parliamo di dolore lombosciatalgico e quindi prendiamo in considerazione questo tipo di condizione clinica. Ciononostante possono essere presenti casi di radicolopatia con assenza di dolore ma presenza significativa di segni e sintomi neuropatici come le parestesie e i deficit di forza.
La gestione del paziente affetto da tale disturbo non รจ semplice:
In fase acuta generalmente le persone tendono a stare a letto a causa del forte dolore.
In questi casi lโ€™unica terapia in associazione alla gestione farmacologica, puรฒ essere rappresentata dal far adottare alla persona posizioni di apertura a livello della radice compressa, le quali possono alleviare la sintomatologia.
Inoltre far compiere anche un minimo di attivitร , come ad esempio una passeggiata dal letto al soggiorno e viceversa, puรฒ alleviare la sintomatologia e velocizzare il passaggio ad una fase meno acuta.
ย “๐‘ท๐’†๐’“ ๐’๐’‚ ๐’๐’๐’”๐’•๐’“๐’‚ ๐’†๐’”๐’‘๐’†๐’“๐’Š๐’†๐’๐’›๐’‚ ๐’„๐’๐’Š๐’๐’Š๐’„๐’‚, ๐’‚๐’ƒ๐’ƒ๐’Š๐’‚๐’Ž๐’ ๐’“๐’Š๐’”๐’„๐’๐’๐’•๐’“๐’‚๐’•๐’ ๐’„๐’๐’Ž๐’† ๐’๐’‚ ๐’‡๐’‚๐’”๐’† ๐’‚๐’„๐’–๐’•๐’‚ ๐’‘๐’–๐’ฬ€ ๐’†๐’”๐’”๐’†๐’“๐’† ๐’ˆ๐’†๐’”๐’•๐’Š๐’•๐’‚ ๐’๐’๐’•๐’“๐’† ๐’‚๐’ ๐’…๐’†๐’”๐’„๐’“๐’Š๐’•๐’•๐’, ๐’„๐’๐’ ๐’’๐’–๐’•๐’Š๐’๐’Š๐’›๐’›๐’ ๐’…๐’†๐’๐’๐’‚ ๐‘ณ๐’‚๐’”๐’†๐’“ ๐’•๐’†๐’“๐’‚๐’‘๐’Š๐’‚ ๐‘ป๐’‰๐’†๐’‚๐’ ๐‘ป๐’‰๐’†๐’“๐’‚๐’‘๐’š, ๐’๐’‚ ๐’’๐’–๐’‚๐’๐’† ๐’“๐’Š๐’†๐’”๐’„๐’† ๐’‚ ๐’Š๐’๐’•๐’†๐’“๐’‚๐’ˆ๐’Š๐’“๐’† ๐’•๐’“๐’‚๐’Ž๐’Š๐’•๐’† ๐’Š ๐’”๐’–๐’๐’Š ๐’”๐’‘๐’†๐’„๐’Š๐’‡๐’Š๐’„๐’Š ๐’‘๐’“๐’๐’„๐’†๐’”๐’”๐’Š ๐’๐’†๐’ ๐’“๐’Š๐’…๐’–๐’“๐’“๐’† ๐’Š ๐’•๐’†๐’Ž๐’‘๐’Š ๐’…๐’†๐’๐’๐’‚ ๐’‡๐’‚๐’”๐’† ๐’‚๐’„๐’–๐’•๐’‚”
Lo step successivo, ridotto il dolore acuto, รจ quello di centralizzare il dolore, cioรจ far sรฌ che il dolore presente a livello dellโ€™arto inferiore risalga verso la schiena. รˆ possibile ottenere ciรฒ tramite tecniche di terapia manuale alle quali si possono aggiungere alcune terapie fisiche.
Ridotta la sintomatologia dolorosa รจ fondamentale impostare un programma di esercizio terapeutico per ripristinare il controllo motorio, la mobilitร , la stabilitร  e prevenire le recidive.
Dott. Fisioterapista Michele Volpe